Vorrei

Pubblicato il 14 nov 2019
Provided to IT-tvs by Universal Music Group
Vorrei · Brunori Sas
Note Di Viaggio - Capitolo 1: Venite Avanti...
℗ 2019 Bmg Rights Management (Italy) S.r.l.
Released on: 2019-11-15
Associated Performer, Vocals: Brunori Sas
Producer: Mauro Pagani
Composer Lyricist: Francesco Guccini
Auto-generated by IT-tvs.

Commenti

  • Questa canzone è stata fatta per averne questa versione.

  • Io che amo immensamente Guccini, devo dire che l'interpretazione di Brunori è assolutamente magnifica. La sua voce si armonizza splendidamente con la melodia e si percepisce l'intensità della sua emozione per questa meraviglia di poesia.

  • Testo di una bellezza infinita ed interpretazione di un'emozione magica e divina!!!

  • Bellissima interpretazione

  • Molto De Gregori a livello interpretativo.

  • lucciconi agli occhi.........bella

  • Un capolavoro è sempre un capolavoro chiunque la interpreti

  • Sembra uno scolaretto che incespica sulla poesia che ha imparato a memoria.

  • Porca puttana la sto ascoltando a random da giorni😥 e lei non c'è.

  • Atmosfere inimmaginabili.. Grandissimo Guccini!!!

  • Gucciniano ba una vita bico a chi non lha mai s3entito che le sue canzoni sono tutte capolavori

  • meraviglia

  • Bravissimo

  • La ascolto e poi la ascolto di nuovo. Questa versione mi emoziona come se la sentissi per la prima volta. È perfetta. Sembra scritta da lui.

  • Meravigliosa

  • Probabilmente la più riuscita

  • ma chi è che canta VORREI???? chiunque tu sia l'hai uccisa.....

  • Veramente una bella interpretazione

  • Non ho mai amato particolarmente la musica di Guccini, ma questa ottima interpretazione mi ha fatto apprezzare molto il brano. Grandissimo Brunori Sas come sempre (in attesa del nuovo album).

  • Bellissima interpretazione non era semplice

  • grande Brunori, raccogli l'eredità del maestro

  • Ma che bello canzone...Grazie Thomas💋 non ho mai sentito questa canzone....Vorrei.. stupende parole....

  • Oggi dobbiamo accontentarci di finti De Gregori, finti Venditti, di finti cantautori che si impegnano con falsa modestia a rovinare i capolavori di chi le canzoni le sapeva scrivere e le sapeva cantare.Una volta ci volevano le palle ad essere cantautori, oggi bastano due paroline messe là e un po’ di bohème di seconda mano.Lasciate stare Guccini per piacere

    • Io ascolto, anzi divoro musica da quando manco sapevo camminare e rimandandoti alla mia risposta ti ripeto che: ci sono cantautori degni di essere chiamati tali ma lontano da questi fenomeni di mercato. Di Brunori SAS ho ascoltato diverse cose e non mi piace, ha degli spunti brillanti che annegano in un continuo sciorinare di cliché e di rimandi a Dalla, De Gregori, Venditti etc etc. Nel caso specifico ha frammentato il ritmo poetico di ‘Vorrei’ con il un distacco emotivo fuoriluogo( vista l’intensità del testo)e cadenza palesemente ‘ De gregoriana!? Cerca un’interpretazione magistrale che ancora non gli compete.

    • Non tutti gli attuali cantautori scimmiottano i grandi del passato. Forse dovresti ascoltarli meglio e non soffermarti a quest'album che non ti è piaciuto

    • I cantautori bravi ci sono anche oggi ma sicuramente non sono queste copie sbiadite di quello che fu. Bisogna cercare e cercare fondo, perché il mercato non premia chi osa. Gli pseudo cantautori in questione invece, non fanno altro che riprodurre e scimmiottare un qualcosa di già visto, vivono di cliché, con la loro piattezza musicale e i loro testi anacronistici, scontati, leziosamente dotti e dalle unghie corte. Gente come Guccini e De André erano una sferzata di novità nel panorama italiano, i loro testi erano taglienti, coraggiosi, illuminanti. Io banale? Piuttosto soffermati sulla banalità e l’inutilità di questa operazione commerciale senz’anima. Un minestrone senza senso arrangiato da un Pagani(genio) poco ispirato.

    • dio mio che banalità...ci sono bravi cantaitori anche oggi

  • Che dolcezza,, io ne ho tanto bisogno.

  • Bellissima interpretazione ❤️

  • De Gregori cazzo. Spettacolo.

    • Ahahahahahhahahahahha un Finto De Gregori che rovina Guccini

  • Bravo Brunori..sei fortissimo!!!

  • Mah... Reinterpretare una canzone come questa è quasi impossibile. Difatti... Povero Francesco

  • Da brividi !!! Grazie Dario ... ♥️

  • Non mi sembra tutto questo granchè nè nell'originale nè con brunori, che fa del suo meglio per ravvivare una petulante melodia, che solo un sedicente artista senza ispirazione come Guccini poteva, immagino con quale fatica, scribacchiare

  • Mamma mia che versione emozionante e commovente... Aggiungo che è una canzone che ascoltavo tanto durante la mia adolescenza per cui evoca ricordi, sentori, atmosfere malinconici... Brunori non ha una voce particolare, ma proprio per questo si adatta a qualunque canzone e qui ha messo tutta la delicatezza che la canzone necessita. Bravissimo Brunori! Lo amo sempre più!

    • Concordo in tutto. Il modo in cui Brunori "fa sue" anche le canzoni di altri, è sempre sorprendente.

  • La Consoli mi ha fatto venire la pelle d’oca e anche malika ma devo dire che Carboni e Bersani sono stati grandi

    • Album molto bello, tutte belle interpretazioni. Poi ad un certo punto arriva Noi non ci saremo...

  • Vorrei conoscer l'odore del tuo paese , camminare di casa nel tuo giardino , respirare nell'aria sale e maggese , gli aromi della tua salvia e del rosmarino . Vorrei che tutti gli anziani mi salutassero parlando con me del tempo e dei giorni andati , vorrei che gli amici tuoi tutti mi parlassero come se amici fossimo sempre stati . Vorrei incontrare le pietre, le strade, gli usci e i ciuffi di parietaria attaccati ai muri , le strisce delle lumache nei loro gusci , capire tutti gli sguardi dietro agli scuri . E lo vorrei , perché non sono, quando non ci sei , e resto solo coi pensieri miei ed io .. Vorrei con te, da solo, sempre viaggiare , scoprire quello che intorno c'è da scoprire , per raccontarti e poi farmi raccontare Il senso d'un rabbuiarsi o del tuo gioire . Vorrei tornare nei posti dove son stato , spiegarti di quanto tutto sia poi diverso e per farmi da te spiegare cos'è cambiato , e quale sapore nuovo abbia l'universo . Vedere di nuovo Istanbul o Barcellona , o il mare di una remota spiaggia cubana , o le greppe dell'Appennino dove risuona fra gli alberi un'usata e semplice tramontana . E lo vorrei perché non sono quando non ci sei , e resto solo coi pensieri miei, ed io .. Vorrei restare per sempre in un posto solo per ascoltare il suono del tuo parlare , e guardare stupito il lancio, la grazia, il volo , impliciti dentro al semplice tuo camminare . E restare in silenzio al suono della tua voce , o parlare, parlare, parlare, parlarmi addosso, dimenticando il tempo troppo veloce o nascondere in due sciocchezze che son commosso . Vorrei cantare il canto delle tue mani, giocare con te un eterno gioco proibito che l'oggi restasse oggi, senza domani , o domani potesse tendere all'infinito . E lo vorrei , perché non sono quando non ci sei . e resto solo coi pensieri miei. ed io.. ed io.

  • A me è l’unica che è piaciuta, tutte le altre per nulla. Sarò strano.

  • Bellissima!!!

  • Mi piace l'arraggiamento.........e anche un po' l'interpretazione

  • testo 11 interpretazione 10

  • Molto bello questo pezzo, Brunori è un grande artista, lo ascolto da anni. Cmq anch'io sono un cantautore, e non scrivo canzoni banali. Se vi va di passare dal mio canale e ascoltare canzoni come "non è il grande fratello", "la gabbia", "Missione dignità", Nome e cognome", " se avessi 80 anni", e altro, chissà forse vi piaceranno. Grazie Davide

  • Io ti amo

  • Bravo Dario