RISPONDIAMO AL QUOTIDIANO: PERICOLOSI I GIOCHI DI RUOLO!

Pubblicato il 21 mar 2019
Analizziamo e rispondiamo all'articolo del Quotidiano Nazionale che titola "Giochi di ruolo una galassia pericolosa". Cerchiamo di capire cosa è giusto e cosa invece proprio no.
● INSTAGRAM: instagram.com/queiduesulserver/
Giochi in offerta: bit.ly/ScontiGiochi
Maglie: bit.ly/maglieQDSS
Guarda: it-tvs.com/username-Queiduesulserver2videos?sort=dd&shelf_id=1&view=0
●TELEGRAM: bit.ly/teleQDSS
● I ROGNOSI: it-tvs.com/username-iRognosi
● QDSS: it-tvs.com/username-QueiDueSulServer
● TRASH: it-tvs.com/username-QueiDueSulServer3
● PORTALE: www.qdss.it
● FACEBOOK: bit.ly/FBQDSS
● STEAM: bit.ly/SteamQDSS
● TWITTER: twitter.com/Quei2SulServer
● LIVE: bit.ly/QDSSLIVE
Vuoi inviarci qualcosa?
Clim4lab (per QDSS)
via Montecarlo, 48
Termoli 86039 (CB)
* Attenzione: non abitiamo/lavoriamo qui. Ci aiutano solo con la posta.
Grazie per la visita da QDSS, Redez e Synergo.

Commenti

  • secondo la mia personale esperienza: avendo un amico che ha avuto un'infanzia attaccato al pc, ed era esattamente la situazione citata dove la madre doveva portare il pranzo e la cena in camera. Tanti anni passati così. Ma questo ragazzo cel'ha fatta, ci siamo impegnati anche noi senza essere invadenti (da videogiocatore conosco i sentimenti che posso nascere) siamo usciti a divertirci, abbiamo iniziato a giocare con lui e tutto quanto. ripeto: il fenomeno esiste ed è reale. E sono molto più presenti di quanti pensiamo. Certo non come le percentuali presenti nell'articolo. Esattamente, si chiudono nel videogame. Ma l'articolo è quasi surreale e rovina solo altri pensieri dei cosidetti "genitori" ed adulti. Volevo solo dire che non è da prendere sottogamba comunque il fenomeno.

  • Wow, condivido pienamente con tutto quello che avete detto

  • Io ho interpretato varie volte un fantasma... Adesso la mia vita è un inferno: ogni volta che provo a nutrirmi od afferrare qualcosa passo attraverso gli oggetti... Ho tanta fame :(

  • Ma questi idioti non la smettono di dire cazzate! Io dico che lo fannno perché vogliono uccidere gli stremers videoludici, che sono i piu diffusi, questo movimento si inscive nel progetto di voler rendere l uomo sempre meno libero professionalmente.

  • Tutti sempre pronti ad accusare i videogiochi o i giochi di ruolo per le disgrazie nel mondo ma a tutti va bene l'idea di dare in mano ad un bimbo delle elementari uno smartphone che sostanzialmente è la versione digitale della porta dell'inferno dantesco... Ma se invece di sparare stronzate trite è ritrite facessero un po' di informazione su quali sono i rischi che si celano dietro ad uno smartphone? Ah già, questo implicherebbe che il giornalista di turno dovrebbe fare il lavoro per cui è pagato

  • Alcune persone rimangono davvero schiave dei giochi di ruolo o su pc/consolle, ma sono pochissimi (sempre troppi, eh) e di certo non si può incolpare tutto il mondo ludico/videoludico. Io personalmente negli anni 90 ne ho conosciuto uno che dopo essersi creato un personaggio vampiro aveva preso l’abitudine di vestirsi sempre di nero e che quando doveva percorrere una strada in cui c’era una chiesa, faceva il giro dell’isolato per non passarci davanti. Ogni tanto, poi, si presentava con delle bruciature a dimensione sigaretta dicendo che erano causate da gocce di acqua benedetta che i suoi gli tiravano per “guarirlo”. Ma era uno, su centinaia di giocatori che ho avuto modo di incrociare nella mia vita. 🤔

  • Poi chissà perché questi fantomatici "esperti" non vengono mai citati, forse perché poi li sbugiardano come con il servizio di striscia? La butto lì...ma anche no.

  • Uno, nessuno e centomila alias il manuale per diventare un terrorista che Al Zawahiri levati proprio.

  • Il fenomeno sta avendo un incidenza statistica reale, quindi non infinitesimale. Gli psicologi sociali e clinici stanno osservando un nuovo fenomeno di digitalizzazione generale della vita di tutti, ci sono casi estremi che sono ovviamente più rari... Ma non cadete nell'errore anche voi di strumentalizzare le critiche, esiste il problema, le persone tendono ormai a cumicare non in modo reale ma digitale, me compreso che scrivo qui 😁.

  • ..è un pò più complicato, e condivido il vostro pensiero ma ci sono altri aspetti. il vero male del gioco di ruolo, come di qualsiasi videogioco, non risiede nel banale confondersi tra reale e virtuale. Va innanzitutto considerata l'eta del giocatore, come il fatto che i gradi pegi, sarebbero un pò da rivedere. Il vero male è quello che voi avete sintetizzato parlando di "attaccamento", che sui videogiocatori più piccoli, oggi, stiamo già vedendo sotto forma di effetto quasi ipnotico, che è in grado di determinare soprattutto tramite i cellulari e la loro dipendenza. Per quanto riguarda i GDR invece, la cosa è già parecchio evoluta, ormai abbiamo videogiocatori che ammettono di preferire e volere un gioco basato sul FARMING, e se gli dici che lo stesso gioco, mettendo in secondo piano il farming, ..potrebbe rendere ancor più intensa la percezione del Ruolo specifico di quel gioco con l'aggiunta di altre funzioni, ....ti dicono che loro lo vogliono così. Ora ..il farming, se visto in un certo modo, proprio per la sua natura compulsiva (faccio e rifaccio la stessa cosa per avere qualcosa), non può non essere preso con le pinze, soprattutto per un ragazzino piccolissimo, che NON GIOCA PER SEMPLICE NOIA ma semplicemente perchè un videogioco e un telefono messi assieme, creano un effetto di iperstimolo (per così dire) tale da tenere praticamente imbrigliata tutta l'attenzione del bambino Quindi.. sono d'accordissimo con synergo, educazione, fategli fa qualcosa a sti ragazzini, ma ...è anche vero che oggi, almeno oggi, fino a che non si capirà (e lo stiamo già capendo) che un ragazzino non dovrebbe poter toccare un cellulare fino ache a 15/16 anni, il problema c'è ...e non va ignorato, neanche demonizzato.. ma inquadrato bene, e quindi non nella stupida idea che si possa confondere reale con virtuale, ma nell'effetto dipendente sortiscono facilmente su videogiocatori più piccoli. per quanto riguarda i pedofili... ragazzi non è semplice, ...come si fa a stare attenti? è quasi impossibile.. e pure quì, come per gli smartphon, io sono abbastanza totalitario... pegi 16 su tutti i i videogiochi che utilizzano connessione, e fine della storia. Anche voi avete vissuto il videogioco a casa dell'amico... cazzo sti mocciosi ormai non hanno idea di che significhi star li tutti assieme davanti a una consolle, ....e quello era un momento di aggregazione, socializzazione, e in senso lato anche di crescita ed educazione, ...che non puo essere paragonato al surrogato attuale fatto di cuffie, microfoni, connessioni, party, e lobby.

  • Una volta anche io giocavo ai giochi di ruolo... Poi mi sono beccato una freccia in un ginocchio

  • Un giorno ho urlato a mia madre e mio padre la parola del potere squarcio del drago di skyrim, ora sono orfano.

  • E poi ci sono io, che istallo Final Fantasy XIV e quando lo lancio vedo il popup della Square-Enix che dice: "Mi raccomando: questa è una simulazione. Non dimenticarti degli amici, della scuola o del lavoro"... e preso dal panico per un disclaimer simile, non ci ho mai più giocato D:

  • Cosa avete contro i giochi di ruolo gneEE Eeeeee!!

  • Dopo aver giocato tutta l'infanzia a monopoli sono diventato un capitalista/palazzinaro d'assalto, ora voglio costruire 12 case 5 alberghi e 1 stadio A Tor di Valle.... Eh eh..

  • Io sono tra quelli che scoperebbe ventiquattro ore al giorno, per questo ho comprato una PS4.

  • Però lo psicologo è stato chiaro. Poi il giornalista ha cercato di metterlo a modo suo. Ma lui aveca detto che se sei "sano" non ti fa un cazzo. Articolaccio ma rispetto a quello degli anni 80 dai

  • ma ste musiche fighe nei video ora?!?!? Grandi raga!!! Un salutone, sempre fantastici!

  • per certe persone fa male giocar a qualsiasi cosa ma vale per tutte le passioni quando diventano una mania dovremmo proibire tutto abbiamo i limiti di velocità ma si ostinano a costruire macchine che oltrepassano il limite di 4 volte dovremmo proibire tutte le macchine che vanno più veloci del limite e invece.... secondo me ogni volta che colpiamo legalmente i video poker strano caso i video giochi vengono tirati in mezzo la cosa è più machiavellica i video poker tramite smartphone sono alla portata di tutti i gdr a pagamento dove circolano soldi non sono per tutti tanti ci lasciano la testa come con i video poker

  • Povera Lola-Bunny ... XD

  • Prima dei videogiochi non ci sono affatto state due guerre mondiali e milioni di stupri, assolutamente no.

  • i giochi di ruolo (e i videogiochi) sono il MALE ASSOLUTO. Invece SLOT e scommesse online ad ogni ora vanno benissimo.... ah sì, vero, su giochi di ruolo e videogames lo stato non lucra ancora....

  • Pienamente d'accordo con voi raga'.

  • Questa vostra analisi può essere inclusa in ogni ambito. Se spaventi con un argomento, si può inserire la paura che crea SOLO danni

  • E dal '95, ossia da quando ho iniziato a giocare di ruolo, prima al tavolo, poi anche sul web, che ciclicamente cicciano fuori articoli ed invettive simili. Penso si tratti di limiti mentali e comportamentali dove per mentali intendo l'incapacità di chi "analizza" il fenomeno di comprendere le basi del fenomeno stesso (ossia la voglia di divertirsi, di conoscersi e di attivare quella cosa che molti vorrebbero stroncare: la fantasia) e per comportamentali la ristrettezza di vedute che rinchiude l'osservatore in un piccolo mondo di vetro dietro al quale tenta - senza riuscirci - di capire cosa fanno quelli fuori. Il problema comunque non sta tanto nel fatto che determinate persone "non capiscano" un particolare fenomeno, quanto nel fatto che sentano la necessità di giudicarlo. E' un processo mentale che, umanamente, ci ha sempre inculato.

  • Bravo.. You Pol

  • Saranno 30 anni che continuano con questa cazzata. E nel frattempo negli stadi dove si giuoca al calcio, quanta gente è morta o rimasta ferita?

  • syn hai un po esagerato con l areligione però ahahah pace!

  • "Il pirandelliano Mario spiega le maschere".

  • Hmm...a quando l'ordinanza restrittiva che imporrà, ai Giochi di Ruolo, la distanza minima di 500 metri dai luoghi di culto e dalle scuole?

  • 4:40 non è quello che fate voi?

  • Innanzitutto complimenti per i vostri discorsi molto interessanti, sensati e fatti senza tagli. Bravi davvero. Comunque la questione va un attimo contestualizzata: quel pezzo, che è abbastanza imbarazzante (specialmente la parte dei furry o "furry schifosi" come dice Zeb nel video "Free to Pay - Zula / S.K.I.L.L. - Special Force 2"), è stato scritto dopo la morte di Salvatore Cipolletti, un ragazzo che è deceduto durante un incontro in Polonia di giocatori di "Call of Duty". Immagino che voi non abbiate trattato l'argomento per non uscire dal topic del video e anche perché non vi occupate di cronaca nera. Il punto è che quando muore un videogiocatore si usa sempre quel fatto come pretesto per attaccare la categoria per i motivi che avete spiegato molto bene (per "fanservice", "tu in realtà stai scrivendo ciò che una certa fascia di lettori vuole sentirsi dire"). Detto questo bisogna evidenziare che il lavoro di giornalista non è semplice, non mi riferisco al caso particolare, ma praticamente è fatto da ingaggi "a gettone" in cui devi mettere di tutto dentro il pezzo, anche per ottenere visibilità. Io non ho mai scritto in quel modo, ma suppongo che articoli simili vengano fuori anche da condizioni lavorative non semplici.

  • Comunque allegare un termine come "furry" a qualcosa di così specifico è assolutamente incorretto, perché è come dire che i "videogiocatori" sono le persone che piacciono giochi come "Seran Kagura" e "Custom maid 3d" cosa totalmente errata, perché come ogni definizione di persone o gruppi, poi ogni persona ha i suoi gusti e preferenze personali, quindi come i videogiocatori piacciono i videogiochi, i furry piacciono gli animali antropomorfi, niente di più e niente di meno.

  • Sono totalmente d'accordo con voi, ma avete dato una incorretta interpretazione del furry, perché il termine furry è una persona che piace gli animali antropomorfi, fine.. poi se ti piacciono sessualmente o addirittura utilizzi le fursuit per fare rapporti sessuali è una tua decisione(che non è niente di malvagio), ma questa è una fetta estremamente piccola ad esempio io sono furry, ma non ho nessuna attrazione sessuale o voglia di mettermi una fursuit e scopare, calcolando anche sul fatto che a me le fursuit di base non mi piacciono assolutamente. Comunque in ogni caso, la maggior parte dei "Fursuiter" interpretano un loro personaggio solamente per fare un "gioco di ruolo" (tipo attore) e non lo fanno per andare a scopare con altri furry. Per farvi un esempio, guardatevi dei video di "Telephone" che è un normalissimo fursuiter che interpreta in maniera simpatica il suo personaggio immaginario.

  • Pensa che viviamo nell'unica epoca in cui ci rompono il cazzo

  • Io interpretavo il negromante in Diablo 2 quando avevo 11/12 anni... E ora vado in giro per città con un esercito di 50 scheletri e 1 golem!!

  • *ALEXA! Dammi la definizione da wikipedia del cosmicismo secondo H.P.Lovecraft.* 11:56

  • Ho un paio di colleghe psicologhe che hanno pure fatto un dottorato sui videogiochi (mmorpg nello specifico) e mi hanno sempre detto ciò che avevo già avuto modo di confermare ai tempi dell'università: non ci sono particolari rischi connessi all'uso dei giochi, semmai è il contrario. Il resto risiede tutto nella moderazione, come in ogni cosa nella vita e come voi stessi avete specificato.

  • io sono un cosplayer di Jason Vhoorees, allora dovrei andare in giro a fare a pezzi la gente...

  • anche il credo politico, se ci pensate bene...

  • Finalmente un po' di Trap come sottofondo... pensavo non vi piacesse ragazzi hahaha

  • raga dobbioamo guardare in faccia la realtà, un ragazzino magari gioca a un gdr e il giorno dopo va a scuola imbracciando uno spadone magico +3 e si mette a castare dardi incantati su tutta la scolaresca, queste robe vanno fermate

  • I giornalisti sono scrittori falliti, cercano lo scoop per abbellire la notizia, dando libero sfogo alla loro frustrazione.

  • ho avuto a che fare con un imbecille che impersonificava un corriere espresso...

  • questo è solo un altro capitolo della solita guerra contro i videogiochi, non invecchia mai :D

  • lefolliedispyke.it/qdss/

  • Quindi Carnevale è la festa dei sociopatici?

  • Quando uscì overckooked 2 io e mio fratello c'abbiamo giocato assieme a nostra madre. Le migliori risate di sempre, non che una sfida più ardua XD

  • Cmq è tutto vero... È pieno di pedofili.

  • Io ho 29 anni e gioco di ruolo da 15. Mannaggia non mi sono ancora venuti i poteri magici però 😂 ci sarà mica un modo per far uscire la vita immaginaria nella vita vera?

  • in effetti i giochi di ruolo con spade e mazze fanno male...e mi diverto lo stesso un mondo...

  • No no, se bisogna criticare il cattivo esempio dei giochi di ruolo bisogna criticare il cattivo esempio dei videogiochi in generale. Se un gioco mostra della violenza o di fa impersonare un personaggio violento non necessariamente devi diventarlo anche tu, suvvia. Poi i gdr da tavolo sono un grande fenomeno di socializzazione e chi nega mente.

  • it-tvs.com/tv/video-LcUazmYYUcI.html

  • Articolo inutile, che allarma senza motivo gente inesperta e genitori non informati. Il gioco di ruolo (termine coniato circa ottant'anni fa) riprende in chiave moderna l ormai millenaria arte del teatro, e che sia online o in presenza, stimola persone provenienti da tutto il mondo a scontrarsi ad allearsi per obiettivi comuni. Io ho giocato molto a questo giochi di ruolo online spendendo centinaia e centinaia di ore e, tenendo sempre a mente il confine tra realtà e gioco virtuale, mi ricordo molti momenti piacevoli e nottate trascorse a cercare di superare obiettivi comuni. Le persone che si chiudono completamente in un mondo immaginario obliterando la realtà intorno a loro sono solo una piccola parte di questo mondo. Sono una degenerazione che è presente, come in tutte le cose e perciò i giochi di ruolo non vanno presi di mira solo per questa minoranza di persone degnerate

  • Ciao ragazzi, giuro non è spam. I miei amici del Covo della fenice hanno lanciato un'iniziativa ieri #ilruolodelgioco, che serve a tutti i giocatori (di ruolo, dal vivo, da tavolo e videogiochi) per spiegare perchè il gioco è bello, fa bene e sia sano. Per far conoscere il nostro mondo a chi non lo conosce o per colpa dell'informazione ne ha paura. Questa è la pagina dove stanno raccogliendo i contributi dei giocatori e dei grandi nomi facebook.com/covodellafenice/ Questo è il video appello, che sarebbe bello estendere ai videogiocatori più direttamente. facebook.com/covodellafenice/videos/1276920115809068/ Vi mando i loro ringraziamenti in anticipo e un abbraccio nerd ❤

  • Dal minuto 15:24 ...lo sguardo di REDEZ

  • "io sono colei che mi si crede" -Pirandello inventa il gioco di ruolo e due anni dopo cede i diritti a Google; olio su tela, conservato presso il Museo delle Menti Occluse

  • Non c'è da stupirsi se l'industria videoludica in Italia è ferma all'età della pietra, non avendo neanche gli strumenti per poter compiere una salto di qualità. D'altronde non più di una manciata di mesi fa, uno dei politici più in vista del nostro paese, ex ministro per lo sviluppo economico(quindi neanche troppo OT) CArlo Calenda, per diversi giorni ha fatto il giro delle trasmissioni TV demonizzando i videogiochi, di qualsiasi tipo, affermando che li vieta ai figli www.corriere.it/tecnologia/18_novembre_03/calenda-contro-videogiochi-causa-incapacita-leggere-ragionare-e2530d78-df84-11e8-8b9f-4c483395dbc7.shtml

  • ciao ragazzi , vi seguo da qualche anno e siete fortissimi . Che dire in merito a questo articolo , per me il gioco di ruolo mi ha permesso di crescere , maturare , conoscere gente , imparare a starci a contatto , farmi amicizie , avere una famiglia , il gdr mi ha insegnato molte cose. Abbiamo aperto un hashtag su instagram ( #ilRUOLOdelGIOCO ) e stiamo diffondendo una petizione con la nostra associazione di gdr . Se vi va dateci un'occhiata ;) facebook : facebook.com/covodellafenice/?epa=SEARCH_BOX instagram : instagram.com/covodellafenice/?hl=it

  • Perché non hanno ancora visto gli episodi della campagna di Luxastra.

  • Sono master da 8 anni. Io ancora spero di giocare contro satana prima o poi. il più è beccarlo fuori orario da ufficio, che la inferno srl ha degli orari molto impegnativi

  • Il Lucca comics è lo sfogo annuale tipo in anarchia?

  • attenzione ragazzi, ben il 100% dei terroristi respira aria ! *ossigeno, la nuova piaga che porta al terrorismo*

  • Io gioco spesso di ruolo, lo trovo divertente e ispirante!

    • INTENDEVO INIZIARE A LAVORARE AD UNA NUOVA CAMPAGNA DI D&D 3.5 DOUCHEBAG HAHAHAHAHAHA

    • Felice che mi abbia ascoltato e che ti sia rimasto un po' di sale in zucca

    • Credo tu abbia ragione... Inizierò a lavorare...

    • Non avevo dubbi che fossi uno di quei ritardati che perdono il tempo con la letteratura e la scuola. Io a 12 anni scavavo nelle miniere in Basilicata, le mie mani sono sporche di vita, non come le tue che sono sporche di principesse e draghetti

    • Ma, veramente la sera ho scuola, nel tempo libero scrivo racconti brevi e quando io e miei amici abbiamo tempo stiamo insieme un pomeriggio e ci divertiamo... non è che mi gratto il culo durante il giorno...

  • Il genitore bigotto legge l'articolo, torna a casa, urla contro il figlio perché "i videogiochi fanno male! Diventi pazzo!" e propone la classica "boccata d'aria" oppure "invece che giocare esci che almeno prendi un po' di sole". Ne ho sentite di tutti i tipi tra me e i miei amici, ma di soluzioni intelligenti meno di zero. Provate a crescere in un paese di meno di 10 mila abitanti, senza possibilità di muoversi (a 10 anni), e dove l'unica cosa che esiste è il calcio. La verità è che, tolte i gruppi cristiani che cantano cagate 24/7 e il calcio, in molte realtà non c'è un cazzo da fare.

  • È una vergogna oggi una signora mi ha chiesto secondo lei se avrebbe piovuto ed è scappata quando ho iniziato a scuoiare il gatto bah sta gente

  • Quando dicevo che giocavo di ruolo mi chiedevano "ma voi siete quelli che giocano nelle cantine e nelle fogne e fate i riti?"

  • Tralasciando tutti i punti su cui ormai si dibatte da decenni (quanti ragazzi effettivamente perdono il contatto con la realtà, quanti e quali siano i veri pericoli del giocare troppo, quante persone che si sono alienate in realtà soffrivano già di disturbi anche prima di iniziare a giocare etc.) mi chiedo come mai articoli del genere sorvolino allegramente su come si svolgano certe serate di gioco di ruolo. Io faccio gdr dal vivo ormai da un paio d'anni e, mentre per la maggior parte dei mesi dell'anno sto chiuso in casa o comunque giro solo in città per la mia routine quotidiana, devo dire che avere quella giocata di due giorni una volta ogni tre mesi mi permette di passare del tempo all'aria aperta senza starmi a preoccupare delle solite scadenze o impegni che abbiamo tutti. Si potrebbe impersonare qualsiasi cosa, anche un piccione idrofobo, ma se così facendo ho la possibilità di passare due giorni all'aria aperta, che sia in un piccolo bosco o in riva ad un lago, a camminare a volte per ore (facendo anche attività fisica quindi) giocare e divertirmi con amici che condividono le mie passioni e concludendo la notte con una mega grigliata ed una dormita in tenda, sinceramente non ci vedo nulla di male, la cosa per me è al pari di un qualsiasi campeggio, scampagnata o gita che si fa tra amici quando arrivano le ferie. Chissà quante persone avrebbero letto l'articolo se il titolo fosse stato: "Gioco di Ruolo: Teatro, Fantasia e Aria Aperta!"

  • Era tanto che non vi vedevo così piccati. Poi danno a voi dei disinformatori....

  • Dove posso trovare l’articolo integrale?

  • tzaaaaa! adesso il mio regno del male è completo!

  • Insegnerò hai miei figli solo le cose sane e giuste dei giochi di ruolo: - Carico - Elfi boia solo noia

  • Da master di D&D confermo, i giochi di ruolo sono pericolosissimi, l'altro ieri uno dei miei giocatori ha battuto la testa sul tavolo, provando a raccogliere un dado che gli era caduto per terra. A 5:54 ho riso alle lacrime per i "Pericolosi giocatori di ruolo"

  • Ma quindi chi recita nei film è praticamente un ricercato internazionale. Si identifica con un’altra persona anche per otto ore al giorno.

  • Perché questo video è sulle tendenze?

  • MA CHI E' CHE HA UN SACCHETTO DI CRACK!!!!!!?????

  • Oh ma hanno rotto il cazzo, nemmeno DnD va più bene? Bene iniziamo tutti ad ubriacarci e drogarci 24/24h e vediamo cosa dicono.

  • Synergo prova a nascondere Civilization con la sua testa non ci ingannerete pericolosi giocatori di ruolo

  • Salve a tutta la community e a QDSS. Da ieri, proprio in contrapposizione per questa "porcata" è partita una iniziativa da una associazione di gioco di ruolo pugliese, dateci un'occhiata, se volete metteteci un like, un commento o partecipate proprio all'iniziativa, però cercate di condividerlo. è una bella iniziativa e il gioco di ruolo è stata una parte molto importante della mia vita. Questo articolo mi ha davvero fatto male, non è giusto spalare merda su una cosa che non si conosce in questo modo. business.facebook.com/covodellafenice/videos/1276920115809068/

  • "A un certo punto, la minchia non ce la fa più", QDSS 2019, lo show per tutta la famiglia

  • E poi dicono che il web dia voce ad ogni ignorante, anche i giornali non scherzano.

  • chi ha scritto l'articolo la sera prima ha beccato la consorte a fare giochi di ruolo a letto con gli amichetti brufolosi...

  • L'altro giorno stavamo giocando a Risiko... Adesso vogliamo invadere l'Indonesia per avere più carri armati... Ah no...

  • Tutti bravi a fare i froci con il culo degli altri, facile parlar male dei videogiochi, ancor piu facile è dire che sono il male... ma questi poliziotti, giornalisti ecc. perche non vanno a mettere in galera i pedofili che stanno nella chiesa e nel vaticano, che violentano bambini disabili che non possono opporsi... piu si va avanti e piu le persone di questo stato mi schifano, facendo riferimento a politici, giornalisti, forze dell’ordine e tutto cio che viene classificato come VECCHIO

  • L'ho sentita la storia di questo camionista che ha infettato tante ragazze con l'ads. Domenica sera a cena tra un antipasto e una bistecca

  • Adesso ho 38 anni, gioco di ruolo da quando ne avevo 12 di anni, ho interpretato una miriade di personaggi, dal fantasy tolkieniano al fantascientifico, passando per il mondo dark dei vampiri e tanti altri mondi ancora. E ad oggi, lo so, può sembrare pazzesco, non ho mai torto un capello a nessuno nella vita reale. Lo so, è assurda sta cosa. Ma se mai dovesse capitare che una persona perda di vista il mondo reale, dalla finzione immaginaria, allora vuol dire che quella persona, ha problemi di suo, e già prima soffriva di suo della sindrome di Don Chisciotte. Da che mondo è mondo, i media, che siano digitali, o cartacei, non fanno informazione, in Italia non esiste l'informazione, ma solo la disinformazione e la manipolazione delle notizie e basta. L'informazione vera e genuina è solo un utopia.

  • Ma ciò che mi chiedo: questo giornalista ha mai visto una maratona?! Tutte quelle persone che in realtà stanno giocando nei panni di Sir. RADZIG...

  • Tutto ciò sta a testimoniare quanto l'invenzione e la libertà di internet possa aver giovato sull'immensa IGNORANZA di questo mondo!! Comunque su discussioni del genere ci camperanno giusto per qualche generazione.. arriveremo ad un punto in cui la persona più anziana del mondo sarà nata già con un controller in mano, e tutte queste false paure non saranno più imputate a dei passatempi (videogames, giochi di ruolo, ecc) cui l'unico scopo è solo quello di passar il tempo divertendosi.. Tempo massimo 1 secolo e questa parte di ignoranza cesserà (magari però se ne verranno a creare altre)

  • Sembra di essere tornati alla paura del satanismo in D&D il signor giornalista è in ritardo di 30 anni sulla cazzata, tra l'altro la parte sui malvagi spacciatori in agguato mi ricorda esattamente i moniti di mia nonna, lei però lì immagina dietro agli alberi o dentro i cespugli, dei ramarri in pratica XD P.S. Appunto inutile e pedante, i giochi gladiatorii non erano letali come spesso si crede, un gladiatore costava abbastanza, era preferibile non farlo morire

  • Difficilmente scrivo nei commenti (visto il flame gratuito che spesso si viene a creare), però il vostro video mi ha sinceramente spinto a farlo. Che dire, non posso che essere d'accordo con tutto quello che avete detto: statistiche completamente fuorvianti con dati immaginari o puramente casuali, affermazioni in pieno stile "processo alle streghe di Salem", demonizzazione di un argomento aggrappandosi agli stereotipi di 30 anni fa, dove praticamente c'erano bestia di satana ad ogni angolo di strada (in compagna di druidi e guerrieri di alto livello armati di siringa naturalmente). Cazzate a parte, trovo che certa gente non dovrebbe avere il diritto di scrivere 'ste porcate, dall'alto tasso di disinformazione e minchiate di ogni genere. Già da diversi anni sto mandando avanti questo canale insieme ai miei giocatori, facendo streaming di D&D 3.5 su Twitch, IT-tvs e così via dicendo. Nell'arco di questo tempo, molti ragazzi si sono appassionati al mondo del gioco di ruolo vedendoci giocare. Alcuni di loro ci hanno detto di essere stati vittime di bullismo o di avere da sempre avuto difficoltà a relazionarsi con il prossimo. Il gioco di ruolo li ha aiutati a farsi degli amici, ad uscire da questa situazione angosciante. Tempo fa collaborai con un'associazione qui a Firenze che utilizza D&D per aiutare ragazzi affetti da autismo e patologie varie (disturbo da deficit dell’attenzione, positivo provocatorio e così via dicendo), con lo scopo di aiutarli a migliorare i propri rapporti sociali con il resto del mondo o ad inserirsi al meglio nella società, semplicemente interpretando un personaggio in un mondo fantastico. Follia? Non credo proprio! Alcuni di questi ragazzi hanno mostrato significativi miglioramenti in pochissime "sedute". Di questo però non ne parla l'articolo di giornale, meglio tornare alla caccia alle streghe... D'altro canto era un po' che il trend "i videogiochi desensibilizzano alla violenza" non si faceva sentire.

  • io penso che se faceste più video discussivi/informativi come questo anzichè quelli sul cibo il vostro canale salirebbe di qualità

  • Sinergo, e secondo te, se quello scrittore avesse avuto la capacità celebrale per scrivere un articolo che desse un altro punto di vista al lettore, poteva mai scrivere una stronz**ata del genere come quell’articolo?

  • Se i gdr dovrebbero essere eliminati, allora tutto il resto dovrebbe essere abolito del tutto, tralssciando il fatto che oggi ció che é oggi il gdr viene realmente comprrso solo da chi ha raggiunto i 30 anni in su, i gdr sono realmente l'unico motivo per cui dovrebbe esistere il gaming, da tavolo o virtuale, che in realtà gli stessi ignoranti che condannano i gdr, accettano meccaniche gdr in titoli non gdr, i gdr permettono una galassia di possibilitá che rende il gaming qualcosa di professionale.

  • Ma cos'è la vita se non un grande gioco di ruolo? Eh Andrea? Non ti piace? ALT + F4

  • "...tu in realtà stai scrivendo ciò che una certa fascia di lettori vuole sentirsi dire." Ecco, anche solo questa frase andrebbe incisa col bisturi sulle mani di tanti giornalisti così. Avete fatto un'ottima analisi di tutta la situazione ragazzi, davvero!

  • Synergo, sei un furry?

  • ci stanno pure i rettiliani fra di noi! Sono quasi sicuro siano il 55%

  • Quei Due Sul Server 1 Tizio dell'articolo 0

  • Cari Redez e Synergo, ci tenevo a fare una breve precisazione sulla definizione di furry (in quanto facente parte di tale comunità/fandom) dato che Redez l'ha definita una pratica sessuale xD Si tratta di un gruppo di persone interessate principalmente nell'arte antropomorfa (animali con caratteristiche umanoidi) infatti c'è una vastissima quantità di artisti, amatoriali e non, che produce continuamente illustrazioni, che possono anche essere esplicite (ma non è il focus principale dal fandom nonostante sia il lato che più se ne conosce poiché è quello che fa più scalpore) costumi, action figures, racconti, musica e quant'altro. la percentuale di persone che indossa i costumi è veramente minima rispetto alla grandezza del fandom (anche perché un costume ben fatto, con anche parti mobili o elettroniche può costare diverse migliaia di euro. si, ho detto migliaia) e quelli che usano suddetti costumi per atti erotici sono una percentuale ancor più infinitesimale, la maggiorparte li indossa come cosplay del propio avatar/personaggio in grandi convention dedicate o piccoli raduni esattamente come un cosplayer interpreta un personaggio ad una fiera del fumetto :) E' inoltre una comunità molto accogliente e sfaccettata (con anche i suoi drammi e problemi ovviamente, come tutte le cose umane) con persone di ogni credo e orientamento sessuale, molto attiva nella carità e donazioni, spesso hanno luogo aste di beneficenza durante le convetion o raccolte fondi tramite sessioni di streaming di singoli artisti in cui disegnano live. La battuta di Synergo sulla coniglietta di space jams non è fuoriluogo o sbagliata, anzi, c'è un gran proliferare di fan art dedicate ai personaggi di cartoni animati, anche esplicite come già detto, e spesso sono stati punti di riferimento da cui partire per creare il propio avatar anthropomorfo (il cosiddetto fursona) ispirandosi ad essi in ultimo vi informo che membro di tale comunità potrebbe essere il vostro medico, il pilota dell'aereo su cui viaggiate, il banchiere dietro allo sportello, il vostro cordiale vicino di casa: persone normali con un hobby spesso bistrattato e mal visto a causa della disinformazione :) detto questo, ottima analisi dell'articolo e commenti e conclusioni derivatene!

  • i furry andrebbero messi su una linea di tiro e fucilati uno ad uno

    • Che belli commenti del genere, e come mai questo odio approfondito verso questa cultura?