"13 Reasons Why” influenza negativamente i giovani?

Pubblicato il 1 mag 2019
SUPPORTA LO SHOW! - www.breakingitaly.club
H E Y A - heyastore.com
----REFERRALS:
CASE - amzn.to/2PwtLX4
DISSIPATORE - amzn.to/2QHvNIw
ALIMENTATORE - amzn.to/2PAErUI
SSD - amzn.to/2SG1tv0
HDD - amzn.to/2SEImkW
RAM - amzn.to/2SIhWz5
SCHEDA MADRE - amzn.to/2L8dGGk
CPU - amzn.to/2PAEK1O
SCHEDA VIDEO - amzn.to/2PuNINR
TUTTO ASSIEME - bit.ly/2QnGpge
OBIETTIVO - amzn.to/2TxdYtU
MICROFONO - amzn.to/2Py8Lz8
----LINK DI OGGI:
L'F8 di Facebook - bit.ly/2WheQnP
Secret Crush di Facebook - tcrn.ch/2ISoMRt
Maduro resiste - bit.ly/2vCsQfX
Trump minaccia Cuba - ind.pn/2LhFMCN
L'appello di Guaidò - bit.ly/2vt2CwC
Bello il trailer di Sonic - bit.ly/2VDmRpV
Vodafone Italia, Huawei, backdoors - bloom.bg/2vt3kdh
Il documento, spiegato - bit.ly/2GV7q4n
La questione di tredici - bit.ly/2DJ2QEf
La risposta di Netflix - bit.ly/2PHey70
Torino, cariche sui NoTav - bit.ly/2GWtqvH
DEPRESSIONE - bit.ly/2USPlHN
Oculus Quest - bit.ly/2IQRgLz

----CONTATTI:
Facebook (Personale): on.fb.me/wq5fLb
Twitter: bit.ly/zQtyfp
Instagram: bit.ly/shystagram
PER CONTATTARMI VIA MAIL:
breakingitaly [at] gmail . com
Vi prego andate subito al punto, la corrispondenza non è il mio forte (e non offendetevi se non rispondo, cerco perlomeno di leggere tutto)
----ALTRO:
Facebook BreakingItaly (Solo link ai video): on.fb.me/wmJcfv
Gruppo su Facebook (gestito dalla Gentaglia) on.fb.me/YeGkUY
#Tredici #Netflix #Gomorra

Commenti

  • Più che una serie che critichi il suicidio la definirei una critica a chi fa cazzate senza pensarci su e poi magari induce qualcuno al suicidio

  • Da persona che ha sofferto di depressione causata bullismo molto pesante e ne è uscita completa da sola (nella completa indifferenza di professori informati e famiglia che diceva "cerca solo attenzioni") ho trovato 13 reasons why una serie molto importante, ben trattata, magari in certe situazioni da vedere con un genitore che la prenda seriamente e la possa prendere anche come spunto per una discussione e un confronto. Non sono le serie TV a causare il suicidio, è l'indifferenza quando si chiede aiuto a spingere un ragazzo/una ragazza a pensare che non esista nessuna via di uscita

  • io ho visto a beautiful mind e imitation game, quindi vincerò il nobel e inventerò qualche macchinario rivoluzionario?

  • Ciao uccidersi è brutto 👋

  • Perchè non parli di come Maria de FIlippi ed i suoi programmi SOCIALMENTE CRIMINOSI hanno (e stanno tutt'ora) devastando le menti dei giovani guidandoli sulla strada della merdosissima apparenza a scapito totale dell'imparare a fare qualcosa e sopratutto a PENSARE.

  • 6:25 tu ritieni "patetica" la vita di ragazzi sfortunati che si ritrovano a vivere in una realtà degradante, con pochissimi sbocchi e che, soprattutto, non hanno scelto loro? Beh, wow

  • prima metà del video ok, ma la secondà metà non c'entra nulla con il tema del video a mio parere

  • Non ho ancora visto il video, ma dico la mia su questa serie. É iniziata "bene". Ma l'hanno rovinata. Non so cosa volessero dire con quello che hanno fatto, ma alla fine non ci sono riusciti. Anzi. Hanno messo cattiva luce su fatti seri. Ho visto il video: Secondo me, il fatto di essere espliciti (fino ad un certo punto) é una buona cosa. Perché un conto é viverle le cose, ed un altro sentirle dire. Chi non ha mai vissuto traumi, o non soffre di depressione, non potrá mai capire al 100% cosa ci si prova. Certo, una serie TV non cambierá tanto, ma se anche una piccola percentuale di persone capisce che certe cose non sono da prenderle alla leggera, va bene comunque. Sempre meglio di niente. Purtroppo, come hai giá detto, certe tematiche bisogna trattarle con molta cautela, perché possono portare al risultato contrario. Nella seconda stagione, purtroppo non é andata cosí. Hanno redicolizzato cose serie, ed hanno giustificato cose che non andavo giustificate. Tipo Hanna. Il suo personaggio é stato rovinato facendola passare per una tr**a e cattiva, mentre quelle che davvero lo erano, quelle che andavano a quel "tipo" di festicciole nello sgabuzzino della scuola, come vittime all 100%. É stata gestita davvero male la serie. Questo avrá potuto avere un ruole nelle vittime suicide che guardavano la serie, perché appunto, molte cose venivano redicolizzate fino a farti sentire a diagio e male. Ma alla fine se una persona é pazza, é pazza e basta. Non importa cosa leggono o guardano.

  • Mi sembra che 13 season why sia vietata ai minori di 14 anni perciò credo che non debba neanche esistere una media di spettatori dai 10 ai 17 anni.

  • e ci credo che chi abbia visto tutte e due le stagioni di 13 reasons non si sia suicidato...L'ESPERIENZA VISIVA DELLA SECONDA STAGIONE E' PEGGIO DELLA MORTE STESSA

  • A me prende male quando lo guardo, ma pensare al suicidio mi sembra eccessivo😂😂😂

  • Quante stronzate stai dicendo ,quindi se guardi Gomorra sei un criminale Se guardi Glee hai una sessualità promiscua Se guardi 13 reasons why sei indotto a suicidarti? Cazzo perché sono ancora vivo io ?

  • pericolosa per le palle delle persone

  • Da quello che ho capito, 13 Reasons Why infrange quai se non tutte le leggi sulla rappresentazione del suicidio sullo schermo negli USA. Per esempio, non si dovremme mostrare la vittima mentre compie l'atto per non dare idee a chi ha istinti suicidi, oppure non si dovrebbe mostrare cosa succede dopo la morte della vittima (che con la seconda stagione è stato peggio ancora visto che è un fantasma) per non dare il messaggio che dopo la morte ci sia qualcosa, che dopo il suicidio è tutto finito. Quindi tecnicamente 13 Reasons Why non è completamente legale.

  • vulnerabili i carteggi di vodafone ...

  • Per quanto riguarda Huawei e le backdoor nei router, se la cosa fosse confermata sarebbero passabili di sanzioni molto gravi (parliamo di un minimo del 2% fino ad un massimo del 4% del loro fatturato mondiale) anche solo per la questione Gdpr. E Vodafone potrebbe finire nell'occhio del ciclone anche lei in quanto partner e rappresentante per l'Italia, quindi non so quanta voglia abbiano anche loro di fare luce su questa storia.

  • Argomento molto interessante. Può una serie tv spingere alla criminalità o al suicidio? Certo che può...può nella misura in cui noi individui siamo portati sempre ad adattarci e reagire agli stimoli dell' "ambiente esterno", ambiente esterno che contribuisce sempre (anche se in diversa misura) a definire ciò che siamo o che facciamo. Quindi si. Serie tv possono contribuire a plasmare un individuo esattamente come lo fanno la musica, i film, l'arte, la poesia, la letteratura, l'istruzione scolastica, le amicizie, la famiglia, gli animali domestici persino. Tutto ciò che sta all'esterno contribuisce o può contribuire a modificare o plasmare la nostra linea d'azione o di pensiero, la differenza sta nel modo in cui l'individuo deciderà di reagire a questi stimoli e al modo in cui li metabolizza. Un'unica serie tv magari potrebbe non essere sufficiente per far maturare in un individuo pensieri che lo spingeranno ad attuare delle azioni concrete, ma cento o mille serie tv, film, canzoni, amicizie di quel tipo magari un giorno lo potrebbero portare a formulare pensieri o compiere azioni che altrimenti non avrebbe mai preso in considerazione. Porsi quesiti simili a mio parere è come domandarsi se un'idea è davvero in grado di plasmare una persona. Magari non sempre...o magari si, magari a volte per convincere una persona non bastano una o due idee dello stesso tipo ma ne sono necessarie cento o mille. Per questo è importante avere una mente aperta e non continuare ad amplificare i propri pensieri all'interno di eco chambers.

  • Gomorra molto difficilmente porterà te a fare il criminale che non sei un soggetto a rischio, ma di ragazzini a rischio in Campania irreparabilmente scemi e di natura malevola ce ne sono a miriadi e vedono quei pezzi di merda dalle mamme puttane come modelli da seguire. Immagina una serie tv che dipinga agli occhi dei ritardati di turno Mussolini e fascistotti vari come eroi. Cosa credi che accadrebbe a livello sociale in tutt'Italia? Sarebbero cazzi da cagare un po' per tutti. Ma fin quando il problema lo si crea in una sola regione allora va bene se il problema non tocca chi produce e chi giudica e minimizza da fuori. Scusate i toni forti, ma cammorristi e fascisti meritano cose ben peggiori Edit: ok, ho ripreso il video ed hai espresso un concetto simile, ma ero troppo triggerato per andare avanti prima di commentare

  • Quant'è l'incidenza di suicidi riguardo al trailer di Sonic? Proporrei uno studio su quello

  • oculus + g5 sto ragazzo è un genio

  • sei una fantastica persona quello che credi depressione è la tua sensibilità a contatto con un mondo di merda cerca di chiudere gli occhi un telefilm che spinge al suicidio e l'altro che esalta la mafia non è libertà (io non sono fascista)

  • dormito bene grazie ben gentile

  • Anche dopo la pubblicazione del "Giovane Werther" di Goethe, la gente ha iniziato ad uccidersi a cazzo di cane... Ma li i riferimenti erano palesi, ora, per quanto la serie ammazzi di noia, mi sembrano polemiche inutili. Poi boh, se ne può parlare.

  • Ciao Shy, tempo fa avevo scritto un articoletto a riguardo, ragionando anche sull'effetto Werther. Dacci un occhio se hai tempo ;) www.christophercossovel.it/blog/educazione/thirteen-reason-why-occasione-educativa

  • Io penso che si suicidano perchè dopo la visione, si rendono conto di aver perso ore della propria vita guardando una serie di Merda (parlo di 13 non di gomorra).

  • deve essere perforza così brutta e ingombrante?

  • Fosse 13 la prima cosa ispira emulazione al suicidio, ricordate i dolori del giovane verter? (chiedo scusa se ho sbagliato lo spelling). La realtà è che uno che non ha intenzione di suicidarsi non lo è uno che ha già in mente di farlo può decidere di agire per qualsiasi motivo il rimedio non è abolire parte di letteratura e spettacolo ma rendersene conto prima

  • La vera domanda è, perché levare una serie capolavoro come The Americans, sano e spietato controspionaggio che non ha mai fatto male a nessuno, e lasciare 13?

  • Buongiorno io sono una studentessa e ho svolto alcuni esami che riguardano queste tematiche...I film e i videogiochi non creano nessuna devianza al massimo possono influenzare chi una devianza già ce l'ha...ma in questo caso la devianza sarebbe comunque venuta fuori

  • "Suicide as alternative"...lascia fare...

  • L'effetto di emulazione di suicidi è noto in psicologia come "effetto Werther". Insomma, una cosa che sarebbe stato opportuno considerare visto l'argomento trattato

  • 13 è una serie di merda ma non istiga al suicidio, e se proprio istigasse al suicidio spero solo che l'unico coglione che si toglie la vita dopo averla guardata sia quel pezzo di merda di EugenedaVanquisher. Pezzo di merda fai schifo al cazzo.

  • La mixed reality di Windows mi sembra molto più promettente ad occhio e croce.

  • dormito benissimo, grazie!

  • 1:17 Ora che ci penso l'attore che interpreta Clay è lo stesso che fece il figlio di Jack Shepard 🤔

  • Non credo che tredici abbia un particolare effetto su chi è depresso. Ad esempio, nei miei momenti di "depressione" il mio stato d'animo peggiora quando vedo scene di felicità e realizazione piú che quando vedo qualcuno che sta peggio di me. Magari è egoismo, non saprei. Comunque, sono quasi sicuro che tredici possa avere un effetto positivo su quei bulletti che potrebbero, se non fermati, essee causa di un suicodio. Comunque non ho visto tredici quindi magari mi sbaglio su tutta la linea

  • Quando si parla di “i film/videogiochi fanno fare cose”, mi piace sempre citare una frase del film Scream: “i film non creano psicopatici, li rendono solo più creativi”. Per me la verità sta tutta lì. Trovo improbabile se non impossibile che tot ore di film o serie tv possano avere lo stesso effetto di anni di educazione ed esperienze positive/negative. Se un suicida lascia un nastro registrato, forse è stato ispirato da un film, ma non si è tolto la vita a causa di esso. Dare la colpa ai medium come videogiochi o film è solo il classico modo per pulirsi la coscienza, in quanto gran parte della colpa per atti terribili come il suicidio è da impuntarsi alla società in generale e alla sfera privata in particolare. Sebbene possa capire che questo meccanismo di difesa si attivi nella gente “comune”, non posso accettare che questa linea di pensiero venga seguita da persone che hanno una maggiore responsabilità nella società (politici in primis).

  • Hai indovinato, il biscotto nel latte! Ma mi hai fatto ridere quando lo hai detto e mi è caduto.

  • Sgamatissimo sul fatto che guardo quasi sempre i video a colazione

  • Ciao Shy! Scrivo qui per segnalarti, ammesso che tu già non le conosca, due serie di Netflix che secondo me lanciano un messaggio positivo sulla depressione (a patto di vederle per intero quantomeno): After Life e Russian Doll. Soprattutto la prima, ma anche la seconda secondo me. Niente, solo questo :-)

  • Ma Oculus Quest non è il primo visore a basso costo senza bisogno di PC, da più di un anno è uscito Oculus Go, certo meno potente ma anche meno costoso, lo consiglierei a tutti per iniziare a provare la realtà virtuale.

  • Secondo me le due cose non sono comparabili, cerco di essere sintetico anche se la disanima richiederebbe molte argomentazioni. Innanzi tutto faccio una piccola critica: secondo me un tema così delicato l’hai affrontato in maniera poco informata. La prima cosa che mi preme evidenziare è che parliamo di persone che manifestano un malessere e non di numeri (non c’entra con la critica precedente, ma con la riflessione seguente). È statisticamente dimostrato che nel suicidio c’è un atto di emulazione, ad esempio dopo il suicidio di personaggi famosi c’è sempre stato un incremento di casi, lo stesso vale per i libri, canzoni, film ecc... Il discorso non è tanto attuale se si pensa che tale dibattito ci sia stato anche per un bellissimo libro come I dolori del giovane Werther (1774). Il motivo perché ciò accade è dibattuto, le persone che si spingono al gesto estremo potrebbero aver covato interiormente già un forte malessere e la notizia che qualcun altro si sia spinto a tanto potrebbe in qualche modo giustificare il gesto, credo che in alcune legislazioni sia appunto proibito scrivere di suicidio (vado a memoria non ne sono sicuro). Il discorso Gomorra invece è diverso, esprimo anche qui un mio pensiero, mentre nel caso del suicidio (che trovo anche una cosa più grave) la cosa è quasi appurata, per il delinquere non ci sono statistiche. Il mio personale pensiero è che chi decide di diventare malavitoso trova facilmente molte scuse per giustificarsi e vantarsi, prendo a riferimento i ragazzi di Taranto, si vantavano per le loro gesta tra di loro ne ridevano le facevano vedere ad amici che gli appoggiavano deridendo la vittima.

  • C'è una puntata di Gumball che ha un filo conduttore che spiega bene il senso di certi discorsi, nella puntata di vede che nella scuola di Gumball, una madre preoccupata dice di vietare i videogiochi perché troppo violenti e sostenendo che portava i ragazzi a emulare i loro idoli, alla fine dell'episodio riescono a vietare i videogiochi e per questo i giovani iniziano a leggere i libri e in uno spettacolo teatrale fanno vedere che come nei videogiochi anche nei libri vengono descritti degli episodi violenti e perversi quanto un videogioco, resa dei conti, i parents bruciano tutti i libri Rende, semplicemente

  • comprai un huawei p8 lite tempo fa... Sento ancora male al culo

  • Shy che ne pensi dei reused content su youtube? Togliere la monetizzazione è giusto o sbagliato secondo te?

  • Le questioni 13 Reasons Why e Gomorra sono profondamente diverse. Gomorra è una serie che ha come scopo quello di raccontare una realtà con tutte le sue complessità e ambiguità marali. 13 Reasons Why ha la pretenziosità di una serie che vuole comunicare ai giovani, li vuole far sentire capiti, vuole fare risposte. Parlo anche per esperienza personale, quando ho visto quella serie ero una sedicenne con depressione appena diagnosticata. È stato quasi letale e non perché la serie mi parlava di suicidio ma perché voleva farmi sentire capita al di là del coinvolgimento emotivo dovuto alla narrazione. Se l'intento è pedagogico non si possono fare errori come quelli che sono stati commessi. Gomorra non ha questo scopo. Per fare un parallelo, dopo la pubblicazione de I Dolori del Giovane Werther, l'indice dei suicidi aumentò esponenzialmente ma in quel caso l'emulazione non è "colpa" dell'opera e dell'autore: non era quello lo scopo, non è obbligo dell'artista quello di fare qualcosa di "eticamente corretto". Ma nel momento in l'artista stesso decide che il proprio ruole deve essere quello dell'educatore bisogna farlo come si deve, senza causare danni.

  • io l'ho visto la sera dopo in differita eheheh pensa shy io un annetto fa volevo andare a rapinare la zecca di stato ahah dai parlando seriamente è un film/telefilm è un arte non la si può rapportare al mondo reale il loro scopo è intrattenere se fosse informare lo chiameremmo documentario e avrebbe la voce di Alberto Angela

  • Anche Game of Thrones spinge al suicidio Dopo l'inutile carica dei Dotraki volevo tagliarmi le vene

  • Sto cercando come un povero illuso di ignorare le costanti critiche sul web e di rimanere carico per il film e tu signor breaking cosa fai? Fai la battutina sul film di Sonic! Ormai non so più in che parte del web rifugiarmi per sfuggire a questa piaga.

  • Allora, non ho visto il video, ma voglio commentare solo alla thumbnail: "Si, perché fa cagare il cazzo!"

  • Beh dopo aver visto 13 voglio sì uccidermi per dimenticare la monnezza che è quella serie

  • 13 reasons why è talmente brutto e pieno di lacune che effettivamente non poche volte durante della prima e della ben più peggiore seconda stagione mi ha spinto a contemplare la terminazione della mia esistenza

  • Non so se tutti quelli che commentano hanno guardato 13 reason why, ma se prestate attenzione alla serie (prima stagione) vedrete come sbaglino a dar ragione ad Hanna continuando a far vedere come lei abbia fatto bene a togliersi la vita. Cosa che, una serie che punta sulle riproduzioni di ragazzi di cui molti vulnerabili, non dovrebbe accentuare e dar ragione alla ragazza anzi.

  • "si dice che abbia provato di fuggire a Cuba ma ha negato tutto" Che strano non me lo sarei mai aspettato, di solito la gente confessa dei tentativi di espatrio per fini politici

  • Il discorso di 13 forse è proprio che tra i 10 e i 17 anni non si è maturi abbastanza da capire fino in fondo la serie e si rimane "affascinati" da modo in cui è raccontato il suicidio, mentre invece dai 18 ai 29 la si approccia in modo diverso e più maturo e questo porta a comprenderla e a valorizzarla come aiuto a uscire dalla depressione

  • Ciao Shy, permettimi di dire due parole al riguardo della questione prezzo. Io sono un professore universitario e faccio ricerca sulla Realtà Virtuale all'estero. Spesso sento dire che i visori per la VR sono "costosi". Non sono completamente d'accordo. Certo hanno un costo non indifferente, ma costano tutti meno di uno smartphone di fascia alta. Mai come in questi anni la VR è diventata un oggetto di consumo generale che può essere comprato senza nessun problema. Negli anni 90 era solo appannaggio di specialisti. Chiunque abbia i soldi per comprarsi un iPhone può comprarsi un Vive o il nuovo Valve Index. I visori VR standalone sono più rivolti ad un mercato di utenti "casual". Non ci puoi giocare a Star Citizen o Elite con quelli. Semmai la questione più interessante è perché, malgrado il costo relativamente contenuto (sia il Vive che l'Index costano meno di un iPhone) non siano ancora esplosi? "Eh ma col cellulare ci fai tante altre cose!1!" anche con un cellulare da 100€ puoi fare quasi tutto quello che fai con un iPhone che costa 10 volte tanto. Eppure la gente compra lo stesso l'iPhone o il Samsung. tl;dr quello che manca alla VR per esplodere, non penso sia più il prezzo.

  • Non credo che il caso di Gomorra e di Tredici siano comparabili. Qualsiasi ragazzino guardando film e opere sulla criminalità in cui i protagonisti vengono spettacolarizzati può rimanerne attratto, da un Fight Club a un Breaking Bad. Il target di queste opere però non sono i ragazzini, si riferiscono teoricamente a un pubblico adulto (anche motivo per il quale non si osserva l'incidenza di suicidi aumentare quando si alza anche ti poco l'età degli spettatori di Tredici), e dire che non dovrebbero esistere perché altrimenti gli adolescenti li prendono come esempio è assurdo e preoccupante, ed è censura. Il problema è che la serie di Netflix è un prodotto teen indirizzato agli adolescenti con problemi di bullismo che possano identificarsi nella protagonista, e che vorrebbe anche farti la morale! Quando per molti di questi ragazzini l'idea che passa è che il suicidio sia un atto di coraggio e che dopo tutti i cattivi pagheranno le conseguenze o cose simili, c'è una grossa responsabilità in ballo Il livello di attenzione che si sarebbe dovuto mantenere nella creazione di Tredici non è nemmeno lontanamente comparabile a quello di serie come Gomorra, semplicemente se cerchi di fare una serie educativa contro il suicidio e il risultato è che più ragazzi si uccidono hai fallito completamente

  • "Il cattivo è un mostro di fumo nero" IS THIS A LOST REFERENCE??????

    • sono venuta nei commenti solo per vedere se qualcun altro l'avesse notata, cominciavo a pensare di essere l'unica..

  • O di pomeriggio

  • Sei una persona stupenda